A proposito dell’essere buoni…

Ciao amici,

il post di oggi non parla di creazioni, ma è una semplice riflessione, il cui spunto me lo ha dato Daniela di SempliceMente , si è trovata nella situazione di fare un gesto carino per qualcuno che aveva bisogno, ed è stata ringraziata con un bel cazziatone…Oggettivamente aveva fatto qualcosa di veramente nobile.

Quante volte ci siamo ritrovate nella situazione di voler aiutare qualcuno, abbiamo avuto la possibilità materiale di farlo e lo abbiamo fatto, ma quella persona non ha apprezzato il gesto anzi, gli ha causato proprio fastidio, ti ha fatto sentire inadeguata e poco carina…poi magari il tempo passa e non ci pensiamo più ma lì per lì, quanta delusione, quanto sconforto, “Ma chi me lo ha fatto fare…” .

Come diceva quella canzone “se sei brutto ti tirano le pietre…se sei bello ti tirano le pietre…qualunque cosa fai…sempre pietre in faccia prenderai…”  qualcosa del genere;
sembra che per evitare questo tipo di delusioni basti  farsi gli affari propri e tirare per la propria strada, senza preoccuparsi troppo di quello che necessitano gli altri…

Bene bene, e che cosa ci stiamo a fare su questa terra? Non lo sappiamo è vero, ma se non ci si aiuta a vicenda, che senso ha la vita? Mi sono accorta che spesso ricevo tante cose belle dalle persone, inaspettatamente, e mi cruccio sul “perchè, cosa ho fatto per meritarmelo?” semplicemente ho ricevuto del bene, probabilmente alcune volte sono stata io a dare del bene a qualcuno e in un certo senso, è tornata indietro la gentilezza e non necessariamente si tratta di un “ricambiare la cortesia” semplicemente è tornato indietro…

Spesse volte capita invece di accanirci, pensando di fare qualcosa di gradito agli altri e invece…e invece gli crei un vero e proprio disturbo, del tipo: “ma io non te lo avevo chiesto…io non voglio fare questa cosa cosa”, e tu ti dici: “ma come?!!! sono uscita prima da lavoro, ho fatto i tripli salti mortali per essere qui e uscire con te…”
ecco che arriva il tentativo di “rinfacciamento”, ma con che scopo? Ormai l’hai fatto e va bene così…consoliamoci con ” Ho provato a fare qualcosa di bello…”

E voi…cosa ne pensate?

Ciao Amici, che il Natale riscaldi i nostri cuori, fare del bene, donare un sorriso, ringraziare dolcemente quando si ottiene una cortesia, essere gentili è questo quello che conta e nient’altro, anche a costo di rimanere delusi, la soddisfazione di aver fatto (o almeno tentato) qualcosa di bello e di buono è la soddisfazione più grande!

Il mio albero di Natale…viola

Ciao Amici!

Siamo in piena crisi nazionale, lo so…ecco come ho combattuto la depressione di questi giorni…
shopping? Ma va…siamo a Natale, dobbiamo rallegrare i nostri cuori e portare gioia e amore al mondo!

Noi abbiamo iniziato con un albero di Natale, posto di fianco al nostro presepe, seguendo i colori dell’argento e del viola:

Non avevamo nessun addobbo in casa, solo un albero (purtroppo sintetico) acquistato l’anno scorso poco prima di Natale al 50% di sconto. Quest’anno su gli addobbi non c’era gran che di convenienza, solo un misero 30%! Abbiamo acquistato due tubi di palline miste (12 x 4 euro), viola e argento e alcuni fiori con delle pinzette sul retro, davvero molto belli (1,90 euro cad.). In un grande negozio gestito da cinesi, ho trovato delle farfalline lilla, con cristalli, davvero deliziosa e comode da usare grazie alla loro mollettina posteriore (6 farfalline 0,80 euro), in un negozio di articoli per la casa, tempo fa, avevo acquistato una busta con decori per vasi, tipo delle palline fatte con cordini viola e bianchi (una busta 1 euro)…qualche pigna colorata di lilla e altri oggettini che non avevo ancora avuto modo di utilizzare… perchè non legargli un pò di filo e non metterli sull’albero?

Un paio di festoni e VUALA’ !!!

Ho acquistato anche dei glitterini viola che penso di utilizzare incollandoli a delle sagome di cartoncino da appendere…ma aspettiamo il prossimo WE libero per questo!

Alla prossima!!